Cerca nel blog

giovedì 31 maggio 2012

Alice abita ancora qui. Tra noi. Incredibile.

Ellen Burstyn protagonista di Alice non abita più qui
Chi, dei membri del governo, potrebbe interpretare il ruolo di Alice nel paese delle meraviglie? Prima datevi la risposta e poi leggete il pezzullo.
Se avrete indovinato complimentatevi con voi stessi. Potreste far parte del governo. Non questo. Uno sveglio.


Non fatevi trarre in inganno dal titolo, il riferimento non è al film che Martin Scorsese girò nel 1975 e che valse alla protagonista, Ellen Burstyn l'oscar come miglior attrice.
No. Il riferimento è all'altra Alice, quella di wonderland, che ha deciso di allietarci questi tristi giorni di crisi reincarnandosi. E poiché il reverendo Charles Lutwidge Dodgson, ben più noto con lo pseudonimo di Lewis Carroll, era un tipo spiritoso si è reso necessario trovare il giusto phisic-du-role perchè la potenza di Alice potesse esplodere.
E allora cosa c'è di meglio di un bel (si fa per dire) ministro del governo Monti.
Dopo aver scartato la Fornero, algida  (per finta) e sopratutto troppo acida (per davvero),si è passati a Terzi di Sant'Agata, troppo compassato, ad Antonio Catricalà, nome non adatto, s'era  fatto un pensierino anche su Dino Piero Giarda.
Il ministro Giarda in effetti come reincarnazione di Alice ci sta, ha molte caratteristiche che lo rendono compatibile e credibile per questo ruolo. Perfetto. Quasi perfetto. 
Insomma così perfetto che è venuto il timore di essere subito sgamati. Quindi si è cambiata idea.
Ci voleva qualcuno di insospettabile, qualcuno duro, qualcuno capace di grande freddezza, qualcuno in grado di ragionare più con i numeri che con la testa (del cuore non se ne parla proprio) ma con quel certo “non-so-che” che lo fa capace di stupire e di stupirsi. Qualcuno con due occhioni da Alice. 
Qualcuno in grado di dire cose terribili con il tono di voce leggero col quale si ordina, distrattamente, un aperitivo. Uno di quelli che quando parla ti rimane il sospetto di essere d'accordo con lui anche se non sai su che cosa sei d'accordo. Perché lui è uno di quelli  che “non si capisce mai cosa dice.” Però lo dice sempre molto bene. Oh come lo dice bene.  
Occhioni di Passera
Ci vorrebbe quindi un vecchio demone-cristiano. O magari un nuovo democristiano E quindi la scelta è stata sostanzialmente obbligata. Come non pensare a Corrado Passera. Una vita passata tra i numeri,sempre seduto dall'altra parte della scrivania, quella per intenderci dei signori che comandano, ma sempre con l'aria ammiccante di dire “tanto io sto con voi, che non contate nulla.”.E magari qualcuno ci casca.
L'ultima trovata di Corrado-Alice-Passera, che vive allegramente nel mondo di wonderland quando non frequenta comunione&;fatturazione,  è stata di chiedere ai petrolieri di farsi carico dell'ultima nata tra le accise: due centesimi per il terremoto dell'Emilia. Il che equivale a chiedere ai petrolieri, che notoriamente hanno un barile al posto del cuore, di rinunciare, un per l'altro, al 4% del loro fatturato (1) per singolo litro. Che sarebbe come se avessero chiesto a Landru (2), noto al popolino come Barbablu, di rinunciare alla vedovanza facile per impegnarsi in un matrimonio a vita. 
Questa volta i petrolieri, di solito così veloci ad applicare, in tempo reale, qualsiasi aumento di prezzo e così lenti e lumacosi nel trattarne le riduzioni, sembrano ammaliati dai grandi occhioni di Corrado-Alice-Passera da dirsi disponibili a questa innovativa e rivoluzionaria operazione: i petrolieri pagano le tasse al posto dei comuni mortali. Chissà che direbbero i loro babbi, per intenderci quelli dello scandalo dei petroli (3)
A proposito come è andata a finire quella storia?
Il più ammaliato di tutti è stato Pasquale De Vita presidente dell'Unione petrolifera che si  è immediatamente impegnato  “per la «sensibilizzazione» dei grandi marchi. Che di sicuro vorranno rispondere positivamente.” (4)
Come cambia il mondo quando si mette di mezzo Alice e il suo candore ora reincarnato in Corrado-Alice-Passera.
E' bastato un leggero battito di ciglia di Corrado-Alice-Passera che subito quegli uomini duri, rotti alle più feroci trattative con emiri, sceicchi e generali di tutto il mondo si sono trasformati . Da lupi in agnelli. E Corrado-Alice-Passera ci crede. Anzi orgogliosamente ha ripetuta la favola anche alle radio e alle televisioni. E magari se la ripete compiaciuto quando si rade davanti allo specchio. E pensa di essere stato pure furbo. Si fa tanto per dire (ridere).
Oddio l'ammaliato De Vita ha anche subito aggiunto, ma sottovoce, che “sarà difficile controllare il vero risultato, visto che il mercato finale dei carburanti è ormai libero quanto frastagliato, inestricabile non nei prezzi ufficialmente "consigliati" ma nei liberi ritocchi che possono disporre e praticare i singoli gestori.” Ancora l'operazione non è partita che già si è trovato il possibile colpevole per l'insuccesso annunciato.
Quando si dice l'esperienza. 
Già, forse però bisognerebbe svegliare Corrado-Alice-Passera e ricordargli che i lupi perdono il pelo ma non il vizio. Che sarebbe troppo bello se lui e i petrolieri. come quell'altra Alice, non abitassero più qui.

ps.Oggi 1 giugno. I petrolieri hanno già fatto sapere che tengono famiglie numerose, hanno da pagare il mutuo della prima casa e sono in arretrato con le bollette della luce e del gas pertanto declinano l'invito a farsi partecipi. E poi " tasse" è una parola strana. Di difficile comprensione e pronuncia. Anzi hanno dichiarato che, a ben pensarci, gradirebbe un aiutino da parte del governo.
Queste si che sono belle favole. 

---------------------------------------------------------------
(1) 28,9% circa è l'incidenza per litro di benzina composto da greggio, raffinazione, trasporto e margine.
(2) Henri Désiré Landru o Barbablù (Parigi, 12 aprile 1869 – Versailles, 25 febbraio 1922) è stato un criminale e assassino seriale francese. Di solito se la faceva con signore un po' agé che prima depredava e poi carinamente uccideva.
(3) Lo scandalo dei petroli scoppiò nell'inverno 1973-1974. nonostante tutto non se ne cavò un argno dal buco. Come al solito. Per approfondire: “Petrolio e politica” di Mario Almerighi, Editori Riuniti 2006
(4) http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-05-31/passera-margini-compensare-accisa-063735.shtml?uuid=AbTvb3kF ; 

4 commenti:

  1. Da apret di Paolo Penacchio ed io che avevo pensato alla Fornero e lo avevo anche scritto un po' di giorni fà. Ahimè , non potrò far parte di acun governo, e pensare che con il governo berlusconi era così facile capire chi era Pinocchio e chi la fata turchina.

    RispondiElimina
  2. L'unico che ci è cascato sono io, che ho letto l'ultimo bidone pubblicato sul tuo blog. Se questo è il livello mi ricorderò bene di non abboccare ad altre domande in futuro.

    RispondiElimina
  3. Da parte di Barbara De Luca: Mi rammarico profondamente della mia impossibilità di far parte di alcun governo.E' una triste constatazione, sulla quale dovrò meditare.

    RispondiElimina
  4. Bene, ora che l'Anonimo ha deciso di ignorarci, per il futuro, e confidando che non si penta di questa decisione, una cosa va detta. Passera è stato surclassato e indovinate da chi? Proprio da LUI - eh quando c'era LUI dicono i nostalgici del regime fascista. Insomma, Berlusca, che una ne fa e cento ne pensa, ha tirato fuori dal cilindro un'idea straordinaria, anzi una pazza idea: stampiamoci gli euro e mandiamo al diavolo la BCE. In pratica, come ha sottolineato il Corriere, con la sua azzeccata vignetta di oggi sabato, il remake del film di Totò e Peppino de Filippo: la banda degli onesti. Insomma, più o meno, il suggerimento del cavaliere è questo: domani devo uscire per fare la spesa, ho sole 50 euro. Che problema c'è? Mi procuro una stampante a colori e quelle 50 euro li faccio diventare MILLE!
    VIVA Berlusconi e che cavolo ce lo poteva dire prima. Ma, quello che non mi torna è questo. Non era lui che diceva, circa 8 o 9 mesi fa, che la crisi non c'era...la gente fa i weekend...gli aerei e i ristoranti sono pieni...era così o mi sto sbagliando?

    RispondiElimina