Cerca nel blog

sabato 15 luglio 2017

Peli corsari. (ovvero il rammarico di Corsaro Massimo)

Corsaro Massimo nel suo dire contro Emanuele Fiano si è rifatto, forse e se ne ha avuta memoria, ad una battuta di Mussolini. A seguito dell’affermazione sulle sopracciglia di Fiano, il Corsaro è stato definito fascista e razzista, e antisemita. S’è detto dei suoi sentimenti d’odio e di rancore ma non s’è scritto del suo sentimento principe: il rammarico.


L'on Emanuele Fiano e Corsaro Massimo 
Di peli in politica si è parlato poco o quasi nulla. Unico ricordo è una battutaccia di Mussolini nei confronti di Nicola Bombacci che alcuni dicono pronunciata all’epoca della scissione comunista dal Psi. Quindi quasi cento anni fa, da allora più nulla. A richiamare il pelo in politica, questa volta delle sopracciglia,  ci ha pensato Corsaro Massimo, ex Msi-An-Pdl-Forza Italia e attualmente deputato di uno dei tanti partitini nati negli ultimi anni e  che ha per nome un ossimoro: “conservatori riformisti”. Che di solito si è o l’uno o l’altro, ma la chiarezza di idee non è moneta corrente nei giorni attuali.

La vicenda è nota: il deputato del Pd Emanuele Fiano ha presentato un disegno di legge per punire «chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco». L’idea gli è venuta dopo che un bagnino di Chioggia s’è messo a sproloquiare sul tema. Peraltro, se la legge passasse sarebbe un bel guaio per quelli di Predappio, città natale di Benito Mussolini, che sul merchandising nostalgico fatto di busti, poster, tazze e tazzine, accendini, biberon e bavaglini per i neonati. ci campano da sessanta anni e passa. Comunque sia, la proposta è stata depositata e allora il Corsaro Massimo, magari pensando di essere spiritoso, ha dichiarato che Fiano: «le sopracciglia le porta così per coprire i segni della circoncisione» Che, tradotto,sarebbe come dire che Fiano è una testa di c…. Affermazione volgare oltre il giusto, ma alla volgarità in politica si sta facendo purtroppo l’abitudine: penultime in ordine di tempo le espressioni di Giachetti, «hai la faccia come il cu..»,  rivolte all’ex compagno di partito Roberto Speranza. Segni di ordinario imbarbarimento, ma d’altra parte a scorrere le liste di deputati e senatori su non pochi nomi c’è di che arrossire. E la presenza di Corsaro Massimo in queste, da due legislature, è la prova del nove.

In termini di produttività il Corsaro Massimo è al 500° posto su 630 deputati, risulta assente alle votazioni per il 49,63% delle volte. Sui 185 voti chiave (concorrenza, codice penale, testamento biologico, migranti, terremoto, proroga missioni militari, mezzogiorno, cessione Ilva ecc, ecc.) nella più parte non c’era. Fonte Openpolis. Giusto per dire di come lavora alla Camera. Come primo firmatario ha presentato un solo disegno di legge, 6 interrogazioni parlamentari a risposta orale e 7 a risposta scritta e 150 emendamenti, in circa quattro anni di legislatura.  La altre sue firme sono da co-firmatario. E ognuno ne pensi quel che vuole. Per inciso Emanuele Fiano è 16° posto per produttività.
Sull’uscita del Corsaro Massimo s’è detto molto ma non tutto. Lo si è definito fascista (per forza viene dal Msi) e razzista e antisemita, che poi sono tre modi per dire la stessa cosa, e si è fatto riferimento al rancore e all’odio . Nessuno però ha fatto cenno al sentimento principe che senz’altro deve agitare il Corsaro Massimo : il rammarico.

Rammarico per non essere stato in quelle squadre dotate di manganello che in dieci o più davano la caccia ai singoli. Preferibilmente disarmati. Rammarico per non aver fatto parte della banda Dumini, quella volta erano solo quattro o cinque armati di mazze, contro l’inerme Matteotti. Rammarico per non essere mai stato nominato federale, con tanto di aquila sul cappello, alla Tognazzzi. Rammarico per non essere stato nominato nella Camera dei Fasci e delle Corporazioni dove s’approvava a comando. Rammarico per non essere entrato nella redazione di “La difesa della razza”. Rammarico per non aver rastrellato donne e bambini italiani di religione ebraica da mandare ad Auschwitz-Birkenau o a Mauthausen. Che a farlo ci voleva un coraggio da leoni. Rammarico per non aver fatto da servo ai tedeschi durante la Repubblica Sociale. Rammarico per non aver riso alle battute sarcastiche di Karl Wolf, SS-Obergruppenführer e generale delle WaffenSS che si divertiva a prendere per i fondelli Pavolini ed i suoi scardellati. Forse non prova rammarico e non avrebbe voluto esserci in quel di Dongo. Ma d’altra parte anche quelli che c’erano ci capitarono per caso e avrebbero preferito trovarsi altrove.

La battuta di Mussolini su Nicola Bombacci, dotato di grande barba e folti capelli, testualmente fu: «Troppi peli per un coglione solo.» Massimo Cordaro invece è calvo ma per essere come Mussolini definiva Bombacci la tricologia non c’entra affatto.

Ps. Il Corsaro Massimo è stato anche consigliere di zona e comunale in quel di Milano, e per tre mandati consigliere della regione Lombardia da cui incasserà ordinario vitalizio oltre a quello che sta maturando da parlamentare.



20 commenti:

  1. Paolo Sax Sassetti16 luglio 2017 09:01

    È tutto vero. Va detto però che il produttivo Fiano è uno dei più antipatici deputati della legislatura. Forse perché versione parlamentare della antipatia extraparlamentare di Renzi che, più che il suo capo, è il suo Duce (credere, obbedire, combattere). La produttività parlamentare può essere falsata se si deposita la ennesima legge ridicolmente antifascista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neppure a me Fiano è molto simpatico ma dall'antipatia al razzismo il passo è lungo. Troppo lungo per me.

      Elimina
  2. Perari Maurizio16 luglio 2017 09:03

    Ci deve essere sempre spazio per dare contro al PD. Anche in casi così vergognosi come questo.

    RispondiElimina
  3. Paolo Sax Sassetti16 luglio 2017 09:04

    La proposta di legge di Fiano è un diversivo politico ridicolo. Ridicolo in assoluto ma specie in questo momento. Quell'idiota di Corsaro ha fatto la cazzatta di santificare un personaggio politico di mediocre statura, se si considera che è il responsabile delle riforme del PD. Evidentemente considera riforma perseguire chi vende busti di Mussolini in ceralacca ....

    RispondiElimina
  4. La "m" in più nella didascalia della foto qui sopra - Fianmo - sta a suggerire/evocare le sopracciglia ?

    RispondiElimina
  5. Perari Maurizio16 luglio 2017 17:12

    caro Sassetti il nodo della questione è che in Italia si è preso sempre sottogamba il mito fascista. Nel migliore dei casi dando spazio a pretese riforme sociali del ventennio. C'è chi ha detto che a Ventotene si andava in vacanza. Che c'entra se Fiano è simpatico o no? O se è intelligente o preparato oppure no? Va bene essere contrari alle politiche del PD, ognuno la pensi come vuole. Ma così facendo si toglie la luce su un fatto di intolleranza ( fascista) a sua volta intollerabile.

    RispondiElimina
  6. Paolo Sax Sassetti16 luglio 2017 17:13

    Sul fascismo gli idioti hanno sempre minimizzato. Ma non si combatte una idiozia con una altra idiozia.

    RispondiElimina
  7. Paolo Sax Sassetti16 luglio 2017 17:17

    Fiano è un passacarte di Renzi, senza capacità autonoma di elaborazione, incapace di un pensiero critico, allineato al limite della ottusità. Quando è autonomo produce progetti di legge ridicoli ....

    RispondiElimina
  8. Marco Fernando Capodaglio16 luglio 2017 17:20

    Paolo non stiamo discutendo se sia legittimo criticare Fiano, un come criticare Vendola : se uno dice che la sua verbosità rompe i co....ni come dargli torto? Se uno critica la sua verbosità da fr... , a me viene da da difendere Vendola.

    RispondiElimina
  9. Paolo Sax Sassetti23 luglio 2017 01:02

    Il problema non è la verbosita', difetto comune a tanti politici, ma la alterigia con cui si rivolge agli interlocutori, come se la sua bocca fosse una fonte di saggezza ...

    RispondiElimina
  10. Marco Fernando Capodaglio23 luglio 2017 01:03

    Appunto se uno dice "non sopporto l' alterigia di Fiano " posso condividere, se dice "non sopporto l'alterigia da ebreo di Fiano" la prima cosa che mi viene in mente è solidarizzare con Fiano

    RispondiElimina
  11. Paolo Sax Sassetti23 luglio 2017 01:04

    Infatti Corsaro ha detto una idiozia, metterla sul piano etnico/religioso è una cazzata razzista, quando una valutazione "lombrosiana" sarebbe stata più che sufficiente ...

    RispondiElimina
  12. Stefano Valenti23 luglio 2017 01:05

    Perari Maurizio Il PD riscopre la minaccia fascista solo adesso?
    E quando Violante predicava la necessità di capire le reagioni dei ragazzi di Salò la minaccia fascista era meno reale?

    RispondiElimina
  13. Stefano Perani23 luglio 2017 01:06

    Stefano Valenti l'intervento di Violante aveva il senso di un tentativo,vano, di riconciliazione nazionale... ma vedi i post su Fb con che becera violenza i fascicoli (che tali sono) imperversano sui social. Ma se è più importante attaccare il Pd, va bene così! Sinceramente non vedo in questo gruppo un approccio laico si problemi: se si critica a prescindere.....

    RispondiElimina
  14. Stefano Valenti23 luglio 2017 01:08

    Perari Maurizio Riconciliazione con quelle stesse persone che si vorrebbero sbattere in carcere per apologia di fascismo?

    RispondiElimina
  15. Perani Maurizio23 luglio 2017 01:10

    Stefano Valenti l'apologia di fascismo non sarà un reato in senso stretto ma è molto peggio: è un approccio culturale si rapporti sociali. Al momento di Salo' forse i giovani potevano essere fuorviati dal mito dell'onore e della lealtà agli alleati ( erano ancora forgiati su D'Annunzio e Marinetti) ma oggi è una vera e propria devianza. Quindi il tuo atteggiamento tollerante è a mio parere fuorviante e fuori luogo....

    RispondiElimina
  16. Paolo Penacchio23 luglio 2017 01:12

    Personalmente non sarei tanto gentile con Violante, a me sembrò una uscita piuttosto strumentale e, comunque , fuori luogo. Per il resto, credo sia sempre difficile determinare fin dove può arrivare la tolleranza con chi predica l'intolleranza, lo stesso Bobbio si dichiarava incerto sul da farsi. Arriverei a capire un sistema di piena libertà anche per il fascismo , solo in un paese dove veramente tutto potesse essere liberamente criticato ; ma finchè rimangono reati di apologia e finchè la società italiana vive nella logica dei veti, non vedo come l'apologia del fascismo non debba essere posta sotto conntrollo, e si debba cominciare dalla libertà di apologia di fascismo l'inizio di un percorso libertario( non escludo ciò potrebbe avere una sua logica, ma a me sembra che si sia lontanissimi da tale possibile percorso) .Anche perchè il fascisto sta in piedi esclusivamente nell'elogio del mussolinismo ( e quindi cercando di sottostimare tutte le tragedie che da subito ha prodotto) , non credo possa esistere una idea di fascismo che non sia elogio del periodo nel quale si è storicamente affermato ed ha governato , nascendo, vivendo ed infine concludendo i suoi tragici giorni all'insegna della violenza. E' però anche da chiedersi se le normative esistenti non siano sufficienti, purchè applicate e perchè di questa svolta , non accompagnata da una forte campagna di informazione , specie in positivo sul valore della tolleranza , che parta dalla scuola e dalla pubblica informazione; campagna che sarebbe , a mio avviso, propedeutica anche ad una eventuale decisione di scegliere la strada del liberi tutti ( vilipendio della religione cattolica e del papato comprese) .

    RispondiElimina
  17. Da alcuni commenti contro Fiano, mi pare di aver capito che - una volta detto in due righe che Corsaro ha detto una ca...ta - poi si trova lo stesso il modo di attaccare Fiano ad alzo zero perchè è PD, non capisce nulla, è megafono di Renzi, quindi è una nullità per definizione, e pure se fa il suo lavoro però non vale nulla, è antipatico...e tutto il post diventa nei fatti un attacco a Fiano invece che a quella stronzata contro di lui. Quindi, un ebreo attaccato in quel modo, si vede attaccato anche da chi fa finta di difenderlo, perchè comunque deve scontare le sue colpe, attribuitegli sul nulla. Ma vi rendete conto a chi si sta consegnando l'Italia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perani Maurizio23 luglio 2017 01:16

      Concordo al 100%. Ma in questo gruppo essere del PD è una colpa a prescindere: è la sentina dì tutti i mali. Renzi poi: il diavolo in persona.

      Elimina