Cerca nel blog

domenica 1 novembre 2015

Il Vaticano e il caso Ignazio Marino

L’Osservatore Romano commenta con sarcasmo i recenti fatti di Roma ma non ha usato la stessa misura per quanto successo Oltretevere durante il Sinodo. Anche in quella settimana non sono mancate le farse. La solita storia dei due pesi e due misure. Ci si mette anche il cardinal Bagnasco.

Scrive l’evangelista Matteo (guarda il caso nel gioco dei nomi) a 7, 3-5 che venne raccontata una parabola su una pagliuzza e una trave. Sono passati un paio di migliaia d’anni da che la parabola fu riportata e quindi ci sta che qualcuno se ne sia dimenticato. Ci sta un po’ meno che non se la rammentino quelli che si dicono assidui lettori, nonché esegeti, del libro su cui questa è riportata. Ma, al solito, né la sincerità, vedi parabola, ne lo spezzo del ridicolo la fanno da monopolisti in questo mondo.Ne hanno data ampia prova sia l’Osservatore Romano, che avrà poi da osservare di così originale fuori dai confini dello Stato vaticano che già non sia accaduto al suo interno, sia il cardinal Bagnasco. Ma come s’è detto lo spezzo del ridicolo non la fa da monopolista in questo mondo e segnatamente nella povera Italia. Vaticano incluso.

L’Osservatore Romano ha scrittoSta assumendo i contorni di una farsa la vicenda legata alle dimissioni del sindaco di Roma, Ignazio Marino. Al di là di ogni altra valutazione resta il danno, anche di immagine, arrecato a una città abituata nella sua storia a vederne di tutti i colori, ma raramente esposta a simili vicende.» Gli ha fatto eco, come sbagliarsi, il capo della CEI, cardinal Bagnasco che spera «in una soluzione adeguata perché il Giubileo è alle porte.»

Certo analoghe parole e toni avrebbero potuto essere usati anche per commentare i fatti della settimana del Sinodo. Per esempio quando s’è sparsa la voce delle lettera firmata dai 13 cardinali o l’outing tutto mediatico del teologo ufficiale della Congregazione per la Dottrina della Fede,. Che assomigliava più allo spot per il lancio di un nuovo libro che ad una cosa seria. Per non dire di quella simpatica chicca sul preteso tumore di Papa Francesco. Tutti sketch scritti e messi  in scena nella Città del Vaticano. L’ultimo poi è stato particolarmente esilarante: scomodare un tumore benigno, chissà perché poi benigno?, al cervello per dire che il vescovo di Roma sta andando fuori di cotenna. Queste son farse queste da fare inviadia a Groucho Marx. Che poi tutto il pacchetto possa essere di buon viatico per il Giubileo alle porte è tutto da vedere. E magari non tutti i giaculanti fedeli hanno apprezzato i lavori del parlamentino ecclesiastico che alla fine ha visto la mozione vincente prevalere per un solo voto.  Il che fa ben intendere come correnti, sottocorrenti e camarille vivano alla grande all’ombra del cupolone e quanto a mollarsi sganassoni i cardinali non siano secondi a nessuno. Con buona pace dello spirito santo che di solito si dice aleggi su quelle berrette porporate.  Altro che le minuzie che succedono nel Parlamento nazionale.


Ovviamente nulla in contrario a che la stampa estera giudichi le vicende italiche ma se lo facesse con un certo gusto la cosa non guasterebbe, Ciò che invece stupisce, ma poi neanche tanto, è che la stampa nostrana non abbia rilevato la palese scortesia e non se ne sia adombrata come qualche volta, rara, ha fatto con giornali tedeschi e inglesi. Non sarà mica il timore di perdere indulgenze a bloccare le sapide penne italiche?

21 commenti:

  1. Cesare Pambianchi1 novembre 2015 21:32

    Ma come si fa a scrivere un'idiozia simile. La gente cosi' e' quella che si meritava di essere governata da un personaggio squallido ed incapace come...Marino !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo alla domanda: Beh, basta avere un computer e un po' di tempo a disposizione. E poi bisogna saper leggere i giornali. ce la si può fare.

      Elimina
  2. Paolo Penacchio1 novembre 2015 21:34

    che a pensar male talvolta ci si indovini , lo suggeriva uno che sul come fare a tutelarsi dal malanimo che potesse provenire dai palazzi vaticani poteva tenere lezione a più d'uno. Ed allora, sempre a voler proprio pensar male, tornano alla mente vecchie notizie di appartamenti , in pieno centro della Capitale, di proprietà di enti ecclesiastici e dintorni, che sarebbero stati affittati a politici ed a giornalisti a prezzi, diciamo così " di particolare favore" . Caro Castruccio, non preoccuparti che i giornalisti ai quali ti riferisci , saranno forse troppo accondiscendenti nei confronti di santa romana ecclesia; ma non sono poi così mal ridotti i nell'uso della ragione da accontentarsi di un po' di indulgenze per rinunciare ad esercitare quella che tu chiami la loro sapida critica. Appena si tornerà a parlar d'altro che non siano le incoerenze e gli altri piccoli guai di oltre Tevere , potremmo, con nostra gioia, ritrovare sempre , o quasi sempre, ben pronto e sollecito il loro senso della critica e dell'ironia, magari esercitato da un bella terrazza che si protende su una incantevole visione di Roma capitale.

    RispondiElimina
  3. Marco Novefebbraio Capodaglio1 novembre 2015 21:38

    Io un attacco così articolato contro un singolo esponente politico da parte della curia e' un po che non lo vedevo. Forse alle elezioni regionali del 2010 le polemiche contro la Bresso, Errani e Bonino.

    RispondiElimina
  4. il trave e la pagliuzza. con il prefetto FP Tronca il Tevere è più stretto!

    RispondiElimina
  5. Marco Novefebbraio Capodaglio2 novembre 2015 21:31

    in effetti un pò di panni in famiglia da lavare ce li avrebbero Emoticon smile http://www.rainews.it/.../Vatileaks-arrestati-Vaticano...

    RispondiElimina
  6. Paolo Penacchio2 novembre 2015 21:32

    "La pentita ha parlato" Su come arrivassero un tempo a far parlare le persone nelle segrete stanze vaticane non occorre molto ad immaginarlo , Se poi parlavano , magari denunciando altri, riuscendo ad evitare lunga carcerazione e torture , si beccavano dal popolo la bella denominazione di impuniti che non era esattamente un complimento ( anche se sembra ormai essere passato al significato analogo a quello di "furbacchione" ). ,Ma oggi quali saranno mai le minacce o le promesse che possono indurre a cantare nelle segrete stanze? . E quali problemi potrebbero aprirsi per l'Italia se venissero consegnati per un caso di questo genere al sistema carcerario italiano ? Mi sa tanto che, salvo che gli imputati non siano amanti della camomilla, il vaticano dovrà inventarsi qualche accomodamento.

    RispondiElimina
  7. Di Serio Archita2 novembre 2015 21:33

    Lo Stato del Vaticano non ha i titoli morali per criticare le vicende italiane.

    RispondiElimina
  8. Sergio Spadavecchia2 novembre 2015 21:34

    Beh, politicamente parlando (un'altra cosa e la dottrina) la Chiesa non ha dato esempio di morigeratezza. Da Marozia e la pornocrazia papale, dagli scismi prima con due poi con tre papi, per passare dai pontefici che nel rinascimento avevano mogli, figli e amanti, fino ai papi re che facevano culo e camicia con i boia ci sarebbe da rinfacciarli questo e altro. Ovviamente stavo dimenticando la pedofilia ma non saprei se politicamente potremmo abbassarci a discutere con uno stato che tra le sue fila conta decine e decine di prelati stupratori di bimbi...

    RispondiElimina
  9. Paolo Sax Sassetti3 novembre 2015 21:38

    Potremmo vederne delle belle http://www.huffingtonpost.it/.../31/pignatone_n_8442130.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo strano è che i cardinali Vallini e Bagnasco non abbiano niente da dire su queste farse. Forse dovrebbero intervenire la Boschi e la Madia e dire che i cattolici romani e italiani si meriterebbero uno spettacolo più dignitoso. ma non lo faranno. Si incaglieranno sulla parola dignità.

      Elimina
    2. Marco Novefebbraio Capodaglio26 novembre 2015 14:10

      aggiornamento sul tema "post marino " http://www.ilfattoquotidiano.it/.../roma-via.../2243662/

      Elimina
    3. Cosa vuol dire essere finalmente in sintonia con la città. Chissa che ne pensa l'orficato Orfini

      Elimina
  10. Giancarlo D'armini3 novembre 2015 21:48

    La smetterà Marino di dichiararsi "cattolico" o ancora insiste?

    RispondiElimina
  11. Spero che Marino si ricandidi, faccia perdere la elezioni municipali al PD e che i M5S vadano al governo della Città così: 1) i Romani imparano a farsi infinocchiare dalla Cricca Alemanno-Renzi-Vaticano-LaRepubblica-Il Corriere-Casamonica-Etc... Insomma tutto il Carrozzone; e 2) I 5St****i imparano a votare Grullo&Co.

    RispondiElimina
  12. Paolo Penacchio26 novembre 2015 14:15

    penso che più di un simpatizzante di Marino si guarderà dal comperare dolciumi da certi banche ( anche perchè da quanto sarebbe emerso, sembra non siano, in realtà , neanche dei gran prodotti)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolo che dolciumi? Mi sono perso qualcosa?

      Elimina
  13. Io penso anche ai camerieri di certi ristoranti che han dichiarato che Marino si portava anche la moglie alle cene. E allora? Da quando in qua le signore non possono dare una mano ai propri consorti per le pubbliche relazioni?? Non conoscono le signore dei salotti romani? Non credo.

    RispondiElimina
  14. Ma aggiungo che allo scoppio dello scandaletto, montata ad arte, le cene non erano state ancora rimborsate, per quanto ne sappia gli scontrini erano rimasti nelle mani del responsabile del Municipio inevasi per lungo tempo (una bomba a orologeria montata ad arte), e quindi i camerieri come fanno a sapere quale cena è stata rimborsata a Marino e quale no??

    RispondiElimina
  15. Paolo Penacchio26 novembre 2015 17:50

    Marco, mi stavo riferendo al fatto che , eliminato Marino, il cìriterio col quale assegnare gli spazi per i furgoni che vendono dolcetti ed altro per le feste natalizie è tornato quello di prima e quasi metà spazio è stato assegnato a chi era vicino ad un assessore incriminato. Marino aveva proposto di mettere tra i criteri della assegnazione degli spazi certi parametri riguardanti la qualità dei prodotti venduti, anche questo criterio è saltato : tutto come prima, a quanto sembra.

    RispondiElimina
  16. Paolo Penacchio26 novembre 2015 17:52

    scusa Marco , l'accusa sarebbe stata quella di essere andato al ristorante con la sola moglie e di aver messo la cena in conto al comune; poi sarebbe risultato essere non la moglie, ma un assessore con la quale doveva protrarre una discussione su cose inerenti la amministrazione comunale. E sempre con costi piuttosto ridotti.

    RispondiElimina