Cerca nel blog

venerdì 12 aprile 2013

Ma come sono stati saggi questi saggi.

I saggi alla fine ce l'hanno fatta. Con fatica e sudore della fronte, neanche fossero contadini lucani, sono riusciti a mettere insieme alcune decine di paginette. Che Napolitano lascerà al suo successore.


E così, alla fine, senza parere, i quindici giorni che i dieci saggi avevano a disposizione sono passati in un fiat . Sembra ieri che il vero Valerio Onida diceva alla falsa Margherita Hack di quanto fosse inutile quella commissione. 
La tavolata dei saggi. Presentano i due rapporti
Che oggettivamente, scorrendo la lista dei componenti era difficile dargli torto, con buona pace di Michele Serra. In fondo ciò che lo scherzo di quei monelli della Zanzara rendeva esplicito altro non era che ciò che tutti gli italiani già sapevano. Dicevano. E, i più timidi, solamente pensavano. Con ciò indicando che anche i cinnquantanovemilioninovecentonovantanovemila e novecentonovanta italiani, infanti inclusi, che non hanno fatto parte della commissione un minimo di saggezza ce l'avevano. E forse ce l'hanno sempre avuta.
In any case (tocco di internazionalità che non guasta e fa felici sia Severgnini sia la Fornero, e sta per in ogni caso) i cinquanta e briscola milioni di cui sopra inoltre si domandavano quanto sarebbe stato il costo di simile concentrato di saggezza. E già su questo punto sia Giorgio Napolitano che i saggi stessi hanno dato prova di grande e incommensurabile saggezza. Non l'hanno detto. Saggi.
Oggi, comunque, i saggi si sono incontrati con il Presidente della Repubblica, loro committente, come da foto, che la trasparenza è il massimo plus del nostro sistema politico, e gli hanno illustrato e consegnato i due documenti. Sì perché in verità i dieci hanno ricevuto un doppio incarico e se lo sono sobbarcato tutto sulle loro spalle. Patriotici stakanovisti. E quindi anziché chiedere di raddoppiare la commissione, che poi trovare altri dieci saggi sarebbe stato un bel macello nonostante fuori ci fosse la fila, o di moltiplicare i giorni i saggi di prima nomina hanno deciso di suddividersi il lavoro. Bravi.
Una simili capacità di collaborazione e abnegazione non ce l'avevano neanche i sette nani. Uno infatti si chiamava Brontolo e uno Pisolo. Quest'ultimo ha sempre ambito a diventare il portaborse di Brunetta, il Renato.
Due commissioni dunque ognuna delle quali composta da cinque membri. Che la matematica non è un 'opinione.
Cinque si sono sfiancati sul defatigante tema delle riforme istituzionali e cinque quasi si sono immolati sull'ostica materia economico-sociale ed europea. Cose che neanche Mario Monti e tutta la Bocconi con l'aiuto degli ex allievi avrebbe potuto risolvere in sole due settimane. Invece questi cinque sì.

I dieci saggi. Le foto sono state prese prima del lavoro
Ce l'hanno fatta. Fulgido esempio di amor di patria, senso del dovere, generosità e altruismo. Si vorrebbe poter aggiungere anche disinteresse ma forse non è il caso. Quando si tratta dei nobili destini del paese la vil pecunia deve essere bandita. Almeno dai discorsi.
Dunque i due malloppetti sono stati consegnati al presidente Napolitano che ha proferito due frasi epocali che gli storici di tutto il mondo, Paupasia inclusa, riporteranno in tutti i manuali universitari e negli annali della nazione.
La prima frase è stata: «Le due relazioni saranno oggetto, in questi giorni della mia riflessione».
La seconda, ancor più significativa e ficcante ha suonato così: «Quel che trasmetto è, credo, un testimone concreto e significativo.» Con ciò intendendo, probabilmente che le due mappazze trasmigreranno sul tavolo del prossimo capo dello Stato. Che senz'altro sarà grato a Napolitano per questo inatteso cadeau. E ne benedirà il nome ad ogni piè sospinto. Cosa vuol dire significa essere generosi. E soprattutto essere riconoscenti. Mizzega.

Cosa raccontano i saggi, dieci per l'appunto, in questi documenti. Cose da non credere. Rivoluzionarie. Hanno sostanzialmente ribaltato il mondo. Dopo la lettura di quelle pagine nulla sarà più come prima.
In estrema sintesi dicono che: va rivista la legge elettorale (un simil ritorno al mattarellum), superato il bicameralismo perfetto, risolto il conflitto d'interesse, rivisitazione del patto di stabilità, maggior controllo sui costi della politica (mantenendone comunque un adeguato finanziamento, riduzione del numero dei parlamentari, rivedere gli stipendi dei manager della pubblica amministrazione, sviluppare una politica nazionale per aree (una sorta di gabbia salariale svolta in chiave di politica sociale), rivedere la riforma Fornero, mantenimento di Equitalia che però non deve essere vessatoria, riduzione delle tasse e prosecuzione e rafforzamento della spending review. Più qualche altra frattaglia. Nessuno ci aveva mai pensato e neppure aver mai avuto il minimo bagliore di simili tematiche.

Che poi sarebbe stato come dire che se si mangia pesante bersi un canarino (acqua calda, punch per la Fornero, con scorzetta di limone) è cosa buona e giusta. Oltre che saggia.
Beh tutto questo gli italiani, i cinquantanovemilioni e un tot di cui sopra lo sapevano già. Infanti inclusi
Quindi il lavoro dei dieci saggi è stato inutile?
No! Assolutamente no!
I dieci saggi hanno scientificamente ed inequivocabilmente dimostrato che gli italiani sono saggi. Avevano già capito tutto. E con largo anticipo. Chi l'avrebbe mai detto. Italiani saggi.
Le vere sagge. Si fossero interrogate loro.
Dopo questa meravigliosa esperienza, magari con minor spesa, il prossimo inquilino del Quirinale potrà scendere in strada fermare una massaia, di solito sono quelle che se ne vanno girando con una sporta piena di verdure, magari le massaie possono essere anche due, se lui crede nella statistica e ci potrà aggiungere pure un pensionato, se proprio ci tiene e chiedere cosa bisogna fare per il bene del Paese.
Avrà le risposte giuste. Magari pure succinte. E in tempo reale.
Con il vantaggio di stare alla larga da professori e bocconiani le cui prove recenti non depongono a loro favore.
Sperando che il futuro capo dello Stato non soffra d'insonnia che nel caso sarebbe bene avesse un qualche consigliere politico in grado di suggerire una camomilla o una tisana o un articolo di Mieli o una puntata di Amici o altra trasmissione della De Filippi e non l'attivazione di dieci saggi,
Che a scoprire che l'acqua calda scotta lo sa fare anche un bambino. 

9 commenti:

  1. Daniela Bernardini12 aprile 2013 23:30

    TROPPO SAGGI E POCO SERI

    RispondiElimina
  2. Giovanni Glorioso12 aprile 2013 23:31

    POVERA ITALIA

    RispondiElimina
  3. azz! se sapevo che ero così saggia......

    RispondiElimina
  4. magari se avessero incluso anche una SAGGIA, forse qualche contenuto nuovo sarebbe saltato fuori, ma invece no, in Italia solo i maschi possono sedere in una commissione di saggi...

    RispondiElimina
  5. Invece, il nuovo che avanza è Prodi...azzo che movimento rivoluzionario...a proposito com'è che qui si parla male di tutti e di tutto e delle menate stratosferiche dei grillomani non si parla mai? Com'è che di quei due strani personaggi che fanno i capigruppo alla Camera e al Senato e alle loro continue dichiarazioni e smentite a seconda di cosa dice la voce del padrone non si dice nullA? Comìè che non si dice nulla delle'endorsement della signora Lombardi al Fascismo? C'è aria di 1919 in Italia...cominciò così...SAPPIATELO brava gente che frequentate questo forum e che dotati di scarse letture storiche vi lanciate nei a commenti di pancia. Si, sappiate che IL FASCISMO cominciò così.... Altro che ritiro delle truppe in Afghanistan...poi finisce in Vincere e Vinceremo...ma secondo gli storici il VINCEREMO , urlato da Mussolini, in quella calda sera del 10 giugno 1940...oggi riascoltato e con i nuovi mezzi pare sia più un urlo strozzato...angoscioso che perde di forza...quasi la percezione del disastro...che poi puntualmente verrà...L'Italia vota male da sempre e ha votato male, paese troppo emotivo il nostro. Comunque, mi permetto un suggerimento: leggete qualche libro di Storia in più sull'avvento del Fascismo e del Nazismo: le sorprese e le analogie con questo 2013 vi sconcerteranno...
    Ma com'è che nella predicazione grillina...di evasione fiscale non si parla mai...?
    Com'è che di Lega e Leghisti non si parla mai? ( Forse spiace a Casaleggio, che politicamente pare abbia avuto qualche simpatia per i barbari dormienti? ) Informatevi - gente - informatevi...
    Com'è che si attacca poco Berlusconi?Poche citazioni - la solita lo psiconano...
    Sapete, in questo momento, chi è in testa nei sondaggi ? Indovinate un po' Berlusconi. Lui lo sa e spinge per il voto..vedi discorso fatto oggi a Bari.
    Ma, sto Grillo...per chi lavora? A pensa male se fa peccato...ma nun se sbaja mai...un pensierino di uno che se ne intendeva: un certo Giulio Andreotti.
    Su svejatevi popolo dei forum...non avete capito una cippa allora?
    O no?

    RispondiElimina
  6. Giovanni Giovannelli13 aprile 2013 21:46

    Un PORCELLUM BIS...questa volta..ma AFFIDATO a SAGGI....Ahh ahh ahh ahh..Con NAPOLITANO di mezzo..cosa altro aspettarsi ma un altro DISASTRO...essendo il NAPOLLITANO stesso GENUFLESSO a chi lo copre anche per faccenda TRATTATIVA STATO-MAFIA..delle tante PORCATE che il **SIMPATICO COMUNISTA** (Kissinger) ha mandato avanti nella sua squallida vita **POLITICA**

    RispondiElimina
  7. Monica Stanghellini13 aprile 2013 21:47

    Menti eccelse

    RispondiElimina
  8. Cassata Salvatore13 aprile 2013 22:22

    Dante confronto ai 10 saggi...odierni..era un Bischero!

    RispondiElimina
  9. Leggo risposte complesse, pensate, meditate...elaborate frutto, sicuramente, di letture storiche, politiche. Giovannelli, ad esempio, parla di 'porcellum bis' ma caro Giovannelli lei sa di cosa si sono occupati i 'saggi', voglio dire ha capito? No, perchè lei paragona un'infelice legge elettorale, voluta da un signore di nome Calderoli ( un altro che non viene mai citato dai rivoluzionari grillini) al lavoro che hanno fatto i saggi si capisce poi che non sono sempre i politici a generare certe situazioni. Studi di più, legga di più Giovannelli, io al posto del gestore di questo forum la sua risposta non l'avrei pubblicata, non per censura ma perchè riflette l'assoluta ignoranza della discussione in oggetto. Ovviamente Dante, altra risposta degna di un classico Bar Sport...ma caro gestore sono questi gli interlocutori...? Allora ho sbagliato forum, ovviamente la colpa è mia. Del resto, oggi in rete, si discute appassionatamente di un tema assai delicato. Lo ha lanciato la signora Roberta Lombardi, capogruppo Cinque Stelle, a seguito del furto del suo portafoglio, che oltre alle solite cose, conteneva le ricevute per il rimborso di 250 euro. Ha chiesto aiuto alla Rete - la mitica Rete, il sovrano WEB - come fare? Giovannelli, Cassata avete qualche idea da inviare a questa straordinaria esponente del partito che dovrà cambiare le sorti del paese...
    Oggi, per fortuna, Aldo Grasso su questa 'cittadina' ha scritto un bel profiletto sulla prima pagina del Corsera. Vi consiglio di leggerlo, ne trarreste giovamento. Ha concluso cosi:" Però fanno paura gli sprovveduti che mirano al potere e lo raggiungono per l'effetto combinato di astuzia e naiveté"
    Coomunque, sono che ho sbagliato...voi avete ragione. Siete lo Zeitgeist dell'Italia di oggi. Ah Giovannelli, Cassata, Stanghellini...Zeitgeist è un concetto hegeliano e significa lo spirito del tempo...e a me questo tempo non piace.

    RispondiElimina